sabato 12 marzo 2011

Crepes ai funghi e bechamel


Diventa chi sei, scriveva il filosofo Ralph Waldo Emerson. Una frase da appuntare a caratteri cubitali sun un foglio di carta e da portare sempre con sé. Un po' come ha fatto la protagonista del film francese Carissima me. A 7 anni inizia a scriversi delle lettere con la promessa di spedirle alla se stessa quarantenne per ricordarle chi era, cosa sognava e cosa avrebbe dovuto rimanere sempre importante nella sua vita. Un'idea originale, trattata con la dolcezza colorata da cartolina dei film francesi, come nel memorabile Amelie.

Perché succede che ti svegli a 40 anni o a 30 e improvvisamente ti accorgi che quella bambina l'hai persa da qualche parte, chissà dove e chissà quando, che l'hai tradita e che forse a lei non piacerebbe sapere cosa sei diventata. E un'occasione bisogna darla a quei bambini dentro di noi, prima o poi. Bisogna dedicarsi del tempo, delle attenzioni speciali, per ricordarsi chi eravamo, e confessarselo ogni tanto, che sì, ci vogliamo ancora bene, così come siamo diventati.

Quel tempo puoi trasformarlo in un rito, in un appuntamento speciale con la persona con cui dovrai dormire tutta la vita, te stessa, puoi dedicartelo senza rancori, specialmente se tutta la tua vita solitamente vola via tra un lavoro che forse non ti immaginavi esattamente così, una famiglia ingombrante che si appropria con affettuosa prepotenza di tutti i tuoi pensieri e una serie di amici e cose da fare che ti mantengono piacevolmente esausta e distratta da te stessa. Scegli una domenica, un pomeriggio, una serata, un'alba, il momento che più ti si adatta e dedicalo a cercarti. Senza fretta. In compagnia di un libro, della musica, di un paesaggio, di un film, di un piatto che ti ricorda quando eri bambina.

Il piatto che mi ricorda l'infanzia, curiosamente, è proprio un piatto francese: le crepés. In particolare, le crepes ai funghi e bechamel. Le adoravo. Mia madre me le cucinava sempre, il giorno del mio compleanno, e per me facevano più festa di una torta con le candeline. Ora che sono troppo adulta e troppo impegnata, lontana da casa, il giorno del mio compleanno non ci sono le crepes. Non ho il tempo di cucinarle e per chi è sempre a dieta non sono proprio l'alimento più indicato. Ma non importa, una volta l'anno, quando ho un po' di tempo me le concedo, cucinandole con la ricetta accurata della mia mamma, a base di una leggera bechamel senza burro, fatta solo con farina, latte parzialmente scremato, parmigiano e una generosa grattuggiata di quella noce moscata il cui profumo ha il potere di ricordarmi tutti i giorni di festa della mia infanzia. Questa ricetta è un regalo per chi si è perso e per chi vuole ricominciare a ritrovarsi.

Crepes ai funghi e bechamel leggera

Ingredienti

Per le crepes: 50 g di farina, 30 g di burro, 4 uova intere, 1 dl di latte, 1 pizzico di sale.

Per la bechamel: 1/2 litro di latte, 2 cucchiai colmi di farina, 3-4 cucchiai di parmigiano, 1 pizzico di sale, noce moscata.

Per il ripieno: 500 g di funghi porcini freschi oppure una bustina di porcini secchi e 400 g di champignon freschi, 1 bicchiere di vino bianco, prezzemolo tritato, 1 spicchio d'aglio, olio evo e sale q.b.

Procedimento
Per prima cosa preparare le crepes. Sciogliere in una terrina la farina con il latte, unire le uova intere sbattute a parte, il burro fuso tiepido e il sale. Prendere una padellina antiaderente, ungerla con una noce di burro e versare due cucchiaiate di composto. Ruotare la padellina rapidamente in modo da stendere il composto sul fondo in uno strato uniforme e cuocere a fuoco lento. Far dorare da entrambi i lati. Procedere così fino a esaurire il composto, accumulando le crepes impilate in un piatto.

Intanto preparare il ripieno di funghi. In un tegame mettere un po' d'olio, l'aglio, i funghi e far saltare sul fuoco moderato. Dopo 5 minuti aggiungere sale, pepe e sfumare con il vino bianco. Quando il vino è evaporato aggiungere il prezzemolo tritato e far dorare per 2 minuti.

Adesso preparare la bechamel. Mettere il latte a bollire sul fuoco. In una scodella mescolare a freddo la farina con qualche cucchiaiata di latte e un pizzico di sale, avendo cura che non faccia grumi. Aggiungere alla pastella così ottenuta il latte bollente, continuare a mescolare e rimettere sul fuoco. Quando ha ripreso a bollire aggiungere una grattuggiata di noce moscata e attendere un minuto. Spegnere e aggiungere il parmigiano grattuggiato.

Infine possiamo comporre le crepes in una teglia. Quando ho fretta le tratto come un pasticcio di lasagne, sovrapponendole a strati alternati con la bechamel e il ripieno di funghi (la mia mamma le fa così). Se ho più tempo dispongo su ognuna una cucchiaiata di ripieno e una di bechamel e le arrotolo a involtino, disponendole in fila in una pirofila. Poi le copro con la bechamel restante e un'altra grattuggiata di parmigiano. A questo punto mettere in forno caldo per 15 minuti finché saranno dorate in superficie. Da servire con vino bianco un po' frizzantino. Bon appetit! :)


3 commenti:

fantasie ha detto...

Forse è proprio l'ora di ricominciare a trovarmi!
Baci

Cinzia ha detto...

Ciao!
sono passata per dirti che ho pubblicato l'elenco dei finalisti del mio contest "gli agrumi"
passa a dare un occhio...
Un bacione

Mandorlamara ha detto...

Ciao Cinzia! Non ci credo! Sono in finaleeee! Grazieeeee! :)